Skip to content
REGIONE LAZIO: RESPONSABILE DELL’ELABORAZIONE, GESTIONE, APPLICAZIONE DELLA PROCEDURA DI AUTOCONTROLLO BASATA SUL SISTEMA HACCP NEL SETTORE ALIMENTARE - AGGIORNAMENTO (MODALITÀ E-LEARNING) 8 ORE
HACCP

DETTAGLI CORSO

Aggiornamento finalizzato alla corretta attuazione di tutte le misure di buona prassi igienica, per garantire una reale prevenzione delle tossinfezioni alimentari.

Ha una durata complessiva di 8 ore con test finale a risposta multipla con una sola risposta corretta, in modalità e-learning.

Il corso presenta 37 moduli di lavoro con contenuti multimediali

Il corso sarà fruibile per 3 mesi dalla data di attivazione

Codice Corso: HACCP-REG.LAZIO-RESPONSABILE-AGG-8H
Destinatari: Tutti gli operatori del settore alimentare indipendentemente dalla mansione svolta, ovvero: addetti che manipolano alimenti (cuochi, pizzaioli, barman, etc.); addetti che non manipolano alimenti (camerieri, magazzinieri, promoter, addetti vendita e trasporto); titolari e responsabili dell’industria alimentare.
Formato: e-learning
Durata: 8 ore

DESCRIZIONE CORSO

  • REGIONE LAZIO: RESPONSABILE DELL’ELABORAZIONE, GESTIONE, APPLICAZIONE DELLA PROCEDURA DI AUTOCONTROLLO BASATA SUL SISTEMA HACCP NEL SETTORE ALIMENTARE – AGGIORNAMENTO (MODALITÀ E-LEARNING) 8 ORE

Programma del Corso

  1. Introduzione al corso, definizione di alimento – 12.30
  2. Struttura del processo produttivo dell’impresa alimentare – 15.03
  3. La sicurezza degli alimenti, cenni storici e introduzione principi HACCP – 12.40
  4. I 7 principi HACCP – 12.51
  5. Prerequisiti per l’ambiente di lavoro, materie prime, lavorazione e gestione rifiuti – 12.14
  6. Prerequisiti di corretta prassi igienica, manuale di gestione della sicurezza alimentare – 16.58
  7. Contaminazione, MOA, pericoli chimici e fisici – 17.35
  8. Pericolo biologico, contaminazione e microrganismi patogeni – 14.05
  9. Condizioni favorevoli per i microrganismi, tossinfezioni, salmonella – 13.25
  10. Regola del TAT, tipologia e agenti delle MTA, condizioni di sviluppo dei patogeni sporigeni – 12.21
  11. Requisiti d’igiene per i locali di lavoro, piano di pulizia e disinfezione – 12.25
  12. Igiene degli ambienti, regole e procedure per una corretta pulizia – 14.00
  13. Prodotti per la pulizia, procedure di manutenzione – 13.45
  14. Tecnologie alimentari e conservazione degli alimenti – 13.15
  15. Alterazione degli alimenti – 9.55
  16. Classificazione dei metodi di conservazione – 13.37
  17. Alterazioni ed errata conservazione, temperature corrette per ogni alimento – 14.50
  18. Gestione merce scaduta, analisi catena produttiva – 11.01
  19. Igiene personale, divise e spogliatoi – 14.44
  20. Contaminazione crociata – 11.55
  21. Contaminazione degli operatori e delle particelle alimentari – 8.04
  22. Regolamento 1169/2011 UE – 13.13
  23. I 14 allergeni alimentari – 10.10
  24. Obblighi di notifica, formativi, strutturali e gestionali – 14.46
  25. Analisi e modalità di preparazione degli alimenti con allergeni – 11.55
  26. Esempio di registro allergie e intolleranze – 8.16
  27. Regolamento CE 178/2002 – 16.40
  28. Tracciabilità e rintracciabilità – 9.48
  29. Tracciabilità di filiera, cartacea ed informatica – 12.50
  30. Tracciabilità interna, etichettatura, principio di precauzione – 11.35
  31. Rintracciabilità interna, data di scadenza e TMC – 13.24
  32. Storia della normativa sulla sicurezza alimentare – 15.14
  33. Regolamento 852/2004 – 10.37
  34. DIA e SCIA, Regolamento 853/2004 – 13.49
  35. Regolamento 854/2004 – 17.49
  36. Regolamento 882/2004 – 13.45
  37. Criteri operativi dei controlli ufficiali – 10.45

Al termine di ogni modulo sono presenti test con risposta impostata che consentono di potenziare le funzioni della memoria e acquisire le tecniche di apprendimento rapido fondamentali per assimilare una grande quantità di nozioni in tempi ridotti.

Il corso si propone di realizzare un’efficace formazione del personale addetto alla manipolazione degli alimenti, finalizzati alla corretta attuazione di tutte le misure di buona prassi igienica, per garantire una reale prevenzione delle tossinfezioni alimentari.

  • Deliberazione Giunta Regionale Lazio 825 del 03 novembre 2009
  • Ordinanza Tar Lazio 1179 del 24/02/2011
Torna su